domenica 6 dicembre 2009

Madrid non vuole Berlusconi


Non ho partecipato alla manifestazione anti Berlusconi di Roma.

Ho preso parte a quella di Madrid.

In una giornata fredda, ma mitigata da un debole e timido sole invernale qualche centinaio di persone, soprattutto giovani, hanno preso parte ad un evento mediatico con ben pochi precedenti, o addirittura unico.

Quando mai si sono viste le piazze di TUTTO IL MONDO riempirsi di persone, striscioni, slogan, colori ad urlare la loro opposizione ad un governo?

Non c'entra Spatuzza, non c'entrano le collusioni mafiose, vere o presunte di questi giorni.

Questa è politica.

Contro scelte governative penalizzanti per il futuro dei giovani studenti, precari, sottoutilizzati, disoccupati.

Contro una politica di tagli dove invece ci sarebbe bisogno di nuovi investimenti: la ricerca, la scuola, l'ambiente, il sistema produttivo, il lavoro.

Contro una politica bugiarda ed equivoca che, da una parte promette sicurezza e dall'altra, per difendere il suo capo dai processi, inventa amnistie mascherate e tenta di violare la Costituzione, piegando i diritti e le necessità di molti alle esigenze di uno.

Contro una politica che da una parte si prostra di fronte alle richieste di una chiesa e dall'altra rimanda a morire centinaia di diseredati senza futuro e senza speranze.

Contro una politica che inventa cariche e candidature a favore della bella di turno.

Contro la politica delle barzellette e delle gaffes che fanno ridere di noi il mondo.




E' questa la politica di questo governo, al di là dei proclami roboanti, ed è contro questa politica che un movimento di sinistra dovrebbe battersi.

Ed è originale vedere i dirigenti del PD oscillare paurosamente tra l'assurdo tentativo di “ mettersi alla testa del movimento” e quello quasi patetico di rincorrerlo quando questo è già partito.

Non capendo che l'unico posto in cui sarebbe logico e doveroso trovarsi è nel mezzo, facendone parte.

Speriamo che abbiano capito il messaggio e la lezione.



Ti è piaciuto il post? Vota Ok oppure No sotto a sinistra

3 commenti:

Giuliano Falco: giulianofalco@gmail.com ha detto...

Cosa si può aggiungere? I movimenti fanno sempre paura, forse più alle opposizioni che ai governi. Il PD ora, come prima il PCI, mi sembra abbia la stessa mentalità egemone e ciò che non provine dalle sue fila è potenzialmente percioloso.
Certo è che se continua così, non so quanti passi in avanti faccia...
Giuliano

Marino ha detto...

Infatti, mi pare che solo Marino e la Bindi abbiano capito. Da Bersani e D'Alema ... meglio stendere pietosi veli

Anonimo ha detto...

Macche sinistra questi non sanno più dove stare , di opposizione non se ne parla nemmeno state calmi state calmi questa sembra la parola d' ordine : E gli imbecilli continuano ad andargli dietro, ma del futuro dei loro figli , non glie ne frega proprio nulla, e delle vostre liquidazioni ve ne fregate ( vedi finanziaria con scippo )?????????Ewiva piazzale Loreto!!!!