mercoledì 11 giugno 2008

Basta!

Apprendo in questo momento che in Sicilia sei operai sono morti durante la pulizia di una vasca, poichè hanno inalato vapori venefici.
Solo una parola mi viene in mente:
BASTA!
Basta con il cordoglio dei politici
Basta con le promesse di intervenire
Basta con le indagini dopo che le bare sono state chiuse
Basta con le lacrime di vedove e figli
Basta con le leggi che non vengono applicate
Basta con il lavoro che uccide.
Fermiamo questa assurda guerra

2 commenti:

Domenico ha detto...

Sulle morti degli operai non saprei che dire.
Anzi avrei molto da dire e molto ho già detto e scritto per quello che vale ciò che diciamo noi "truppa", tante volte. In realtà non importa a nessuno se succedono queste cose, importa solo nelle campagne elettorali, dopodichè tutto finisce lì.
Gli operai sono dimenticati, e ci si accorge che esistono solo quando muoiono

Flavio Filini ha detto...

Concordo
e meno male che se ne parla.

Basta vedere quello che succede sulle strade (giusto per ricordare, una buon fetta degli incidenti sul lavoro riguarda lavoratori alla guida o come vittime di veicoli a motore).
La strage giornaliera sulle strade non fa notizia, salvo qualche botto del weekend con almeno due o tre ragazzotti morti.

Adesso, almeno fin che dura, sono di moda gli operai morti, mentre un venditore che si schianta in auto non interessa a nessuno.

In generale poi, bisogna morire, possibilmente in compagnia, altrimenti, se ci si limita ad ammalarsi o rimanere storpi non si vale nemmeno il tempo sulla tv locale.

Qualcosa si muove, negli ultimi anni, almeno a Verona, non si vedono più impalcature di fortuna nei cantieri edili.
Controlli ne fanno.

Ma di strada da fare ne resta molta, in compenso i sindacati confederali hanno trovato il modo di lucrare sulla formazione per la sicurezza (http://www.sicurscuolaveneto.it/)

Flavio